Tag Archives: movimento 5 stelle

I video della serata di “rendicontazione a 5 Stelle”

Il MoVimento 5 stelle di Sennori si rendiconta e rilancia.

L’appuntamento era per Venerdì 3 luglio al Centro Culturale del paese in via Farina alle ore 19 e 30. Come promesso nella campagna elettorale di quattro anni fa, gli attivisti sennoresi tracciano il bilancio periodico della propria attività. E’ spostertata l’occasione di “uscire dal web”, citazione renziana, e aprirsi alla popolazione per informare sulle attività svolte e per rilanciare un progetto di lista civica a 5 stelle. Sono intervenuti i Consiglieri Comunali che nel tempo si sono alternati esponendo ciò che di buono è stato fatto e il l’attuale Consigliere Vittorio Conti che ha informato su presente e futuro dei progetti del gruppo.

In programma anche il resoconto del secondo anno di attività parlamentare del Portavoce alla Camera dei Deputati Nicola Bianchi che, oltre all’attività svolta, ha ricordato le battaglie che il MoVimento nazionale sta portando avanti, come la secca avversione al Ddl “la buona scuola”, il reddito di cittadinanza e il Microcredito finanziato dalla rinuncia di una parte degli stipendi dei parlamentari.

Ospiti della serata anche i portavoce del territorio, con esponenti da Sassari, Alghero e il neo Sindaco pentastellato di Porto Torres Sean Wheeler. Al termine della serata musica e un piccolo rinfresco che ha intrattenuto i partecipanti.

link ai video della serata

Leave a Comment

Filed under Eventi, Riunioni, Varie

Lettera aperta all’ex assessore Piga

Gianfranco PigaCaro Gian Franco, questa lettera non vuole essere un’attacco frontale e meschino nei confronti della Persona. Al contrario, in queste due righe vorremo rimarcare la stima che il movimento cinque stelle di Sennori nutre nei tuoi confronti, prova ne sia il nostro appoggio morale alla tua prima lettera di dimissioni. I tuoi modi pacati e riflessivi e il tuo atteggiamento umile e rispettoso, ha fatto di te un buon avversario politico ma allo stesso tempo un buon interlocutore, atteggiamento costruttivo e positivo per un assessore. lo stesso atteggiamento evidentemente non sempre apprezzato e talvolta frainteso dalla stessa giunta di cui tu facevi parte fino all’altro ieri.

Il tuo modo di agire avrebbe trovato terreno fertile in un movimento come il nostro, giacché l’unico nostro obiettivo è quello di mettersi a disposizione dei cittadini senza avere tornaconti personali e di ciò siamo ancora sicuri.
Ciò che ci lascia perplessi è la tua scelta, per noi ingiustificata, di soprassedere alla tua prima decisione di lasciare la delega di assessore, dopo gli insulti gratuiti del sindaco che sono andati a tangere il tuo operato. A volte non bastano le scuse o i ripensamenti “Berlusconi style” per far ritornare sui propri passi una persona offesa sull’onore, ma è necessaria una motivazione in più.

Abbiamo ancora vivo il ricordo, dei duri attacchi che gran parte dell’opposizione avanzava nei tuoi confronti, farciti di insulti personali, mentre la maggioranza della quale tu facevi parte e i tuoi “cari compagni di partito” non avanzavano nessuna difesa nei tuoi confronti. Ci siamo rimasti male per te.
Dal quel famoso e confuso consiglio emersero due tesi contrastanti che parlano a volte di scelte di partito, a volte di ritorno per il bene della comunità… Una cosa a noi è chiara: quando pronunciavi parole di riappacificazione, e quando dichiaravi che da ora in poi le cose sarebbero cambiate e che ancora credevi nei tuoi compagni, noi non abbian minimamente creduto a quelle frasi perché te lo si leggeva in faccia il tuo malumore.
Ci rendiamo conto che ora qualsiasi domanda è del tutto inutile poiché trova la sua risposta nelle tue ulteriori dimissioni dove pare evidente che i problemi  esistevano, esistono e non sono stati risolti.
Quindi Gian Franco una cosa rimane ancora poco chiara… perché hai voluto allungare il brodo? La tua prima lettera di denuncia era già abbastanza eloquente. E’ il non Sense di questa tua decisione, alla luce di quanto accaduto ora, che ci lascia perplessi.
Ebbene,  ma allora perché un uomo così per bene alla fine ha lasciato carta bianca alla giunta  uscendo da perdente in questa vicenda?  E’ palese, difatti, che il tuo sincero tentativo di migliorare l’ormai disastrato settore dei servizi sociali non abbia portato alcun giovamento… Indubbiamente siamo consapevoli del tuo impegno e della tua onestà intellettuale nell’affrontare un compito così arduo, in un periodo così difficile
però ci pare evidente come la tua ultima scelta non ha la stessa onestà per due motivi:
é irrispettosa nei confronti di tutte le persone che ti hanno votato.
dimettendoti da consigliere hai evitato di vigilare sulle malefatte, oltretutto da te stesso denunciate, dell’amministrazione di cui facevi parte, lavandotene le mani come Ponzio Pilato e fuggendo dal triste ma allo stesso tempo responsabile ruolo di esser nuovamente l’ago della bilancia per l’eventuale caduta della giunta.

Potevi responsabilmente lasciare la carica da Assessore ma lottare da consigliere, invece questa tua scelta salva la poltrona di colui che ti ha definito incompetente.
Tutto ciò per noi è incomprensibile e lo rimarrà.

Leave a Comment

Filed under Varie

DisContinuità territoriale, come uscirne?

locandinanew2

Incontro/dibattito sulle possibilità e disagi legati all’insularità e sulle possibili strategie per superarla.

 

video dell’ incontro sul Canale YouTube Nicola Bianchi

( http://www.youtube.com/watch?v=bfkQfX7dgJs&feature=youtu.be )

 

Data/Location:  Sabato 13 Luglio 2013, aula conferenze di Casa Gioiosa, loc. Tramariglio, Parco Naturale Regionale di Porto Conte , Alghero(ss).

 

 

 

Ospiti/Relari dell’incontro: 

GianPaolo Scano, Cinzia Ghiani  in rappresentanza della   nuova compagnia navale e tour operator GoInSardinia. (http://www.goinsardinia.it/ );

Fabrizio Steri, Comitato per la Continuità Territoriale della Sardegna (https://www.facebook.com/groups/330441743650334/);

Ivano Miscali, Comitato Territorio Continuo;

Giovanni Pigozzi, FAITA Sardegna (http://www.faitasardegna.org/ );

Francesco Mattana, AltroConsumo (http://www.altroconsumo.it/ );

Organizzatore:   Nicola Bianchi, Deputato/Portavoce M5S alla Camera, membro della Commissione Parlamentare n°9 , Trasporti, poste e Telecomunicazioni;

Moderatore:  Giuseppe Destefanis, collaboratore Parlamentare del Deputato/Portavoce Nicola Bianchi.

 DSC08573

  • Apre l’incontro il Portavoce Nicola Bianchi con doverosi ringraziamenti per la partecipazione e per aver risposto all’invito DSC08575all’Assessore Provinciale all’Ambiente Paolo Denegri e a tutti i membri di comitati e associazioni che presenziano al dibattito. Bianchi sottolinea la sua vicinanza e il suo interesse verso la problematica degli spostamenti da e verso la nostra isola, non a caso la scelta della commissione n°9 che si occupa di proprio di Trasporti.  Parla del suo intervento in commissione per ribadire come gli interventi ministeriali servano solo a mettere delle pezze provvisorie al problema, e su come non basta, a stagione oramai compromessa, calmierare i prezzi dei biglietti. Il problema va affrontato dalla radice con una progettazione a medio o lungo termine, ascoltando le associazioni e i comitati che da tempo s’interessano alla materia e che sono i veri portatori d’interesse verso la problematica. Per questo la posizione del M5S e dei suoi Portavoce in questo dibattito è quella di uditorio.

 

  • Prende la parola il moderatore dell’incontro, Dott. Giuseppe Destefanis che introduce la tematica prendendola dal punto di vista di quello che la Sardegna potrebbe essere in termini di centralità dei trasporti, sia di persone sia di merci, e che invece non è, per colpa di una cattiva programmazione che sembra agire contro quella che è la natura stessa della nostra centralità territoriale nel Mediterraneo. Oltre a ciò non manca anche il problema dei trasporti interni nella nostra isola e della distorsione della concezione spaziotemporale legata alla percorrenza dei tratti stradali o ferroviari isolani rispetto a realtà ben più funzionanti e funzionali. È inaccettabile che la Sardegna non abbia nemmeno un km di autostrada, che per arrivare da Cagliari a Sassari s’impieghino due ore e mezzo in auto e quasi quattro ore in treno. È inaccettabile che s’impieghino oltre venti anni e decine di croci sulla strada per pianificare l’inizio dei lavori per la Sassari-Olbia. È inaccettabile che non ci sia una programmazione tale da poter ovviare in tempi brevi a un inconveniente come quello della frana sulla 131 all’altezza di Florinas, che costringe i pendolari e viaggiatori sardi ad allungare su strade secondarie il loro tragitto, già non proprio comodo. Ringraziati gli ospiti, la parola ai relatori.

 

  • La parola passa al Presidente della nuova società consortile a responsabilità limitata GoInSardinia Gian Paolo Scano. “La società opera da quest’anno sulla tratta Olbia-Livorno, e nasce per combattere in maniera concorrenziale il caro traghetti perpetrato negli ultimi anni dalle società preposte ai trasporti marittimi. Società che nasce per opera di un gruppo di operatori turistici recettivi di tutte le categorie del turismo, e vuole dare una risposta a tutte le menzogne che gli armatori ci hanno dato nel corso degli anni”. Divide la problematica in vari argomenti. Si inizia dai Porti e dalla loro gestione, “controllata dal governo tramite autorità portuali nominate dal governo stesso, e tramite le capitanerie di porto e ormeggiatori con il loro comportamento da casta”. Fa l’esempio dei rimorchiatori del porto di Olbia, che pur rimanendo inutilizzati e attraccati in banchina, gravano sulle spese delle compagnie anche se queste non usufruiscono della prestazione. I rimorchiatori in questione non vengono pagati in base alla capacità del traghetto, ma per il numero di macchine trasportate. Un altro argomento è quello del prezzo dei carburanti, che sicuramente è aumentato ma non giustifica da solo un rincaro tale del prezzo dei biglietti. Basterebbe sgravare le tasse sui carburanti, non dare contributi in varie forme agli armatori. Il terzo argomento si pone la domanda sul come uscirne: la proposta di GoInSardinia è quella di non dare i contributi direttamente agli armatori sotto varie forme, ma di dare i contributi al viaggiatore che sceglie la compagnia navale che preferisce, a condizione che la compagnia navale offra il trasporto a dei prezzi contenuti e che quindi venga obbligata a offrire offerte concorrenziali. Questo modus operandi è già in vigore nelle tratte fra la Corsica e la Francia, un caso specifico molto simile al nostro, e funziona , tendendo ad abbassare i prezzi. Un altro argomento è quello delle merci che incide tantissimo sul costo della vita delle nostre famiglie. I Trasportatori vogliono sapere se le linee verranno mantenute anche per l’inverno. Scano però lamenta la totale indifferenza al problema della Regione che quasi non tollera il fatto che un gruppo di Imprenditori Sardi possa riuscire, senza passare dai canali tradizionali, a creare un progetto vincente. L’ultimo argomento è quello della Tirrenia, della regionalizzazione della Tirrenia. Si ritiene che al contrario l’iniziativa debba passare in mano ai privati affinché ci sia vera concorrenza e non vengano continuamente prosciugate le tasche dei cittadini.

 

DSC08574

  • Cinzia Ghiani, promotrice del progetto GoInSardinia ribadisce che “la società nasce per contrastare il calo delle presenze turistiche in Sardegna, 50% in due anni, legato solo ed esclusivamente al caro biglietti”. Spiega qual è stato il duro lavoro per costituire dal nulla una flotta nuova, nonostante la burocrazia che poneva ripetutamente ostacoli, nonostante banche e istituzioni chiudevano ripetutamente le loro porte perché essendo un nuovo progetto, mancavamo di credibilità. “È grazie all’ANEK, compagnia Greca che già aveva affrontato un problema analogo nella linea fra Creta e la penisola greca, che il progetto è potuto andare avanti. “Senza chiederci fidejussione, ci hanno noleggiato il traghetto e hanno creduto in noi. Il progetto ha coinvolto e sta coinvolgendo sempre più operatori turistici sardi, è partito il 15 di Giugno  con una imbarcazione, e sta avendo un grosso successo grazie ai tour operator stessi che hanno fatto una massiccia campagna comunicativa coinvolgendo per primi i clienti del loro portfolio, informandoli della possibilità di ritornare in Sardegna a dei prezzi più ragionevoli, non avendo la società scopi di lucro e dovendo quindi solo ricoprire quelli che sono i costi di gestione del traghetto. I Clienti ci dimostrano il loro appoggio con un feed-back positivo e ci inorgoglisce il fatto che ci ringrazino perché finalmente possono ritornare in Sardegna”.

 

  • Prende il microfono Fabrizio Steri, operatore turistico e cofondatore del Comitato per la Continuità Territoriale in Sardegna, che come prima cosa tesse le lodi del Progetto GoInSardinia e sul fatto che fosse una scommessa portata avanti con ogni rischio e pericolo e andando incontro ad un mercato considerato proprio un “mare aperto”. Allo stesso tempo l’esempio ci fa capire come da noi la Continuità territoriale non esista e sia solo un miraggio. Solo quest’anno e a stagione già abbondantemente compromessa si è arrivati, grazie anchDSC08577e all’avvento di GoInSardinia, ad un abbassamento delle tariffe.” I Cittadini sardi devono innanzitutto capire che grazie al cartello messo in piedi dalle compagnie di navigazione, il flusso turistico e quindi quello economico hanno avuto un decremento di circa la metà in valore percentuale. Il motivo di questa disgraziata politica dei trasporti da parte dei privati è difficile da capire, ma lo è altrettanto capire come possano non avere posto un controllo gli organi amministrativi statali e soprattutto regionali. La regione al momento clou è letteralmente mancata alla concertazione con il ministero dei trasporti, tanto che nel novembre 2012, allorché il sottosegretario ai Trasporti ha accolto la delegazione sarda a Roma, in rappresentanza della Regione non era presente nessuna figura istituzionale”. Le istanze del tavolo non sono arrivate in Sardegna. La Regione ha deciso di puntare sul progetto flotta Sarda, miseramente fallito dopo 2 anni e che, secondo la corte dei conti, ha lasciato sul campo milioni di euro di debiti.  Parla poi della Tirrenia e del suo status di “compagnia semipubblica” che riceve ogni anno 72 milioni di euro di finanziamenti pubblici e nonostante ciò i biglietti hanno un costo non inferiore alle altre compagnie private. “Bisogna rivedere la convenzione fra Tirrenia e lo Stato, bisogna dialogare e non fare la guerra, perderemo noi sardi”.  Garantire i trasporti all’interno di un paese dovrebbe essere un servizio pubblico e in quanto tale non può rispondere a logiche di mercato, quindi i prezzi devono essere gli stessi ad agosto, in piena stagione turistica, come a novembre. Perché il ticket del Freccia Rossa Milano-Roma ha lo stesso prezzo tutto l’anno mentre per i nostri traghetti abbiamo aumenti a seconda del calendario?

 

  • Ivano Miscali, Comitato Territorio Continuo,  emigrato sardo a Pisa come altri 25.000 nel territorio della Provincia pisana spiega come ci sia stata l’esigenza di riunirsi in un comitato per far fronte allo smisurato impennamento dei costi dei Traghetti. Sottolinea la “stranezza di alcune vicende che si sono susseguite in queste ultime stagioni, come il fatto che la Tirrenia sia stata “regalata” a degli imprenditori,  come il fatto che si continuino ad erogare alla Tirrenia 72 milioni annuali senza fare alcun tipo di controllo, senza farci saper come vengono spesi, se vengono spesi per far fronte a problemi delle tratte sarde o se vengono devoluti su altre tratte molto meno coperte e utili alla popolazione. La stranezza sta anche nel fatto che l’Antitrust abbia impiegato 2 anni per deliberare un evidenza, cambiando tre volte in due anni la commissione che si occupa di studiare la vertenza. È strana anche la misura in cui le compagnie abbiano addossato le colpe dei rincari sul rincaro dei carburanti. È stato infatti stimato che l’aumento del costo del carburante avrebbe potuto apportare un aumento del 10% sul prezzo del biglietto, non un aumento fino all’80% come invece c’ è stato”.

 

  • Giovanni Pigozzi, presidente FAITA Sardegna, la federcamping sarda, lamenta il fatto che il settore dei campeggi sia oramai da 4 anni in crisi profonda e ci sia un opzione negativa anche per il prossimo anno. Crisi che oramai ha colpito tutti i settori del turismo. Nel 2013 il 15% degli alberghi non ha nemmeno aperto i battenti. Introduce il concetto di “condizione di Sardità” e va tradotto come la nostra impossibilità di competere. E’ un Gap, che è emerso da un recente studio della Banca d’Italia, e incide per oltre il 50% nella nostra condizione. Questa diseconomia è dovuta al costo dell’energia, maggiorata per noi sardi del 35%, dal metano, essendo noi l’unica regione a non possederne, dalla mancanza di Ferrovie, non potendo definire tali quelle esistenti, dalla mancanza di autostrade, dal credito che ci costa 4 o 5 punti in più, dalle imposte che noi paghiamo come i Milanesi e i Romani che dispongono di però di un grado molto più elevato di infrastrutturazione. Questi dati dimostrano quanto sia difficile di default essere sardi, se poi uniamo a ciò la mancanza di leali presupposti di collaborazione fra la Sardegna e lo Stato ecco che la il quadro è descritto, e in questo quadro calza a pennello il discorso della DiScontinuità Territoriale. Senza la continuità territoriale a noi è stato addirittura negato il diritto all’accesso. L’accesso a Roma, ai luoghi dello stato, alla sanità, ricordandoci che non si viaggia solo per turismo. Si rammarica di non aver dapprima aderito ad un progetto come quello di GoInSardinia, ma si impegna a rimediare. Parla di un impossibilità di programmare perché non c’è dietro una ricerca e uno studio dei dati. Non riusciamo nemmeno a sapere quante sono le presenze turistiche in Sardegna nel corso della stagione, monitoriamo solo le presenze ufficiali senza tener conto di quelle invisibili, delle seconde case, che sappiamo che da sole fanno triplicare il numero delle presenze. Spiega come i danni dureranno nel tempo perché sarà difficile lavare la macchia di una terra bella ma impossibile. Insiste anche sulle possibilità che potrebbe apportare all’economia Sarda la Zona Franca, ben regolamentata ed in mano ad una classe dirigente che esprima il meglio del nostro orgoglio sardo.

 

  • Francesco Mattana, AltroConsumo, inizia il suo intervento con il racconto del suo viaggio per arrivare a Porto Conte , sede del dibattito. Inutile parlare di viaggio, si potrebbe preferibilmente parlare un odissea, definendo come coraggiosi i visitatori che dovessero venire in Sardegna e imbattersi nei nostri mezzi di Trasporto. Impietosi sono anche i dati che emergono da degli studi del feedback dei viaggiatori che hanno visitato la nostra isola e poi hanno lasciato un commento su alcuni forum nazionali di viaggi e vacanze. Emerge che la Sardegna è carissima, oltre a tutti gli altri disagi che ben conosciamo. In un periodo di forte crisi come questo, aumentare i prezzi dei servizi non è un idea ottimale. Sarebbe quindi oltremodo producente ascoltare l’umore del cittadino utente e fruitore dei servizi, e se da queste ricerche emerge anche il dato che la Sardegna non è più nemmeno terra ospitale, significa che ci sarà tanto da lavorare.

Leave a Comment

Filed under Eventi, Riunioni

Lo Tsunami è passato lasciando distruzione e macerie, ora la RICOSTRUZIONE!

Uno Tsunami cosmico, a cinque stelle, ha travolto l’Italia intera. Paura e sgomento per alcuni, ingovernabilità per altri, tragedia per i mercati. Non ci accorgiamo invece di quanto il popolo attendesse questa possibilità: un perito informatico con macchina scassata (giuro, lo è!), che oggi è dovuto andare di fretta e furia al lavoro dopo che è stato svegliato nel cuore della notte da compagni di avventura increduli e festosi (forse un po’ troppo). Un Ragazzo di Sennori che ha deciso di investire il suo tempo libero in ciò in cui crede. Come i surfisti Hawaiani che attendono l’onda perfetta, grazie all’impegno degli attivisti in pochi anni si è creato quello Tsunami che oggi i Grillini comuni hanno potuto e saputo cavalcare.tsunami_tour

La distruzione è arrivata repentina e dalle macerie emergono vittime illustri ma fortunatamente (o no!) anche dei sopravvissuti.  Forse non ci rendiamo ancora conto che in un giorno lo spilungone che stava a presiedere e rappresentare la Camera dei Deputati  è stato  spazzato via. Un Immagine forte come l’abbattimento della statua di Saddham in Iraq. Tanti saluti all’Antonino nazionale (che non è il cantante), simbolo dell’attaccamento alla poltrona. Non si è arreso davanti agli scandali, e ha trascinato giù anche ”EnergiaIngroia”. Della serie: ”Partono tutti incendiari e fieri ma quando arrivano, sono tutti pompieri”, come cantava Rino Gaetano. Onore a lui, alle sue seppur interessanti battaglie anticasta, alla sua grammatica e ai suoi appartamenti da dividere con moglie e figli. Rinvenute fuori dal parlamento le macerie dei comunisti, dei fascisti e dei radicali. Cavolo, siamo riusciti a spazzare via in un colpo Diliberto, Storace ma anche la Bonino, Pannella degli spinelli in piazza. Li metteremo in un museo e prenderemo ciò che di buono promuovevano, come la battaglia alle condizioni disumane delle carceri italiane. Lotta fra la vita e la morte per Larussa. Le sue condizioni sono critiche, ma sembra che si possa salvare (la poltrona).

E poi lasciateci gongolare per la sconfitta politica del PD. Sinistronsi d’elite, dall’alto del loro rango professano una battaglia contro il sistema. Falsità di comodo, nemmeno lo scudo fiscale che non hanno avversato in parlamento ha potuto salvarli. Crepe da tutte le parti e infiltrazioni, quanto possono durare? Poi hanno un leader che non ha vinto nemmeno nel suo comune di nascita, e non è una battuta. Ha smacchiato il giaguaro e pettinato il cicciobello dai capelli fittizi. Poteva farlo fuori a novembre 2011 quando il Papi era al 7% e raccoglieva solo sputi e monetine. Invece spaventato da una possibile vittoria ha deciso di non andare alle urne e di presentarci l’uomo tutto d’un pezzo, professore della Tommasi alla Bocconi, illuminato e serioso: comprate  SuperMonti, l’abbattitore dello Spread, il paladino dell’IMU e delle supertasse per tutti. Ho provato a chiedere a mia nonna cosa avrebbe fatto se la sua pensione non le sarebbe bastata per arrivare a fine mese. Mi ha risposto che avrebbe chiesto aiuto ai figli ma che avrebbe iniziato dai figli più abbienti. Beh mia nonna non è professoressa, non è laureata e della scuola sa solo che è in via Marconi e che ci si va solo per votare ogni tanto quando Porru suona a casa sua. Comunque possiamo festeggiare perché Monti è riuscito ad affiancarci in Parlamento Valentina Vezzali che ha promesso che si farà toccare da Don Silvio all’ingresso del Parlamento ogni santo giorno. Volevamo salutare anche Buffon che non è riuscito a pararci  e il tizio ignoto che ha curato la comunicazione montiana,  dopo aver curato  quella di Obama e vorrei dirgli che noi non viviamo l’American Dream, viviamo la disoccupazione alle stelle, più di cinque. Vorrei poi sapere come si ritira  I’ IMU alle poste. Vorrei saperlo in particolar modo da quelle 900 persone che a Sennori hanno votato lo psiconano. Vorrei fare la fila con loro, per solidarietà.nic

Ora a Sennori abbiamo un Sindaco senza Partito, un vice sindaco che si è dato all’UDC (oramai agonizzante) degli avversari in Consiglio e un Parlamentare della Repubblica Italiana. Auguroni al nostro concittadino  Nicola Bianchi, non lasciamolo solo a sopportare il peso di questo fardello, sosteniamolo da buoni Sennoresi, non come i compaesani di Bersani.

 

 

P.S.: Riportamo ora quello che è il nostro Slogan, che ci ha dato la forza di andare avanti in questi anni:

“Ma dove volete andare, da soli?”

539821_10151432960735813_562631113_n

 

Leave a Comment

Filed under Eventi, Uncategorized, Varie

Il MoVimento 5 stelle di Sennori cala il poker per le Parlamentarie.

piazza d italiaLa svolta sembra vicina, il MoVimento entrerà anche in Parlamento. Finalmente, dopo tante peripezie e ostacoli creati da burocrazie varie e avversari politici, anche i Grillini riescono a entrare nella stanza dei bottoni. Il Programma è semplice ma in continuo progredire d’idee, avversato dai detrattori politicanti, abituati a proporre enormità che poi non sono capaci di mantenere. Un programma facilmente consultabile, discutibile e modificabile sul forum del sito del MoVimento 5 stelle. (http://www.beppegrillo.it/movimento/ )

Basta un semplice log-in per accedere al mondo a 5 Stelle. Un sito in cui è stato possibile, gratuitamente e con delle semplici regole condivise, effettuare le prime primarie completamente in rete che hanno permesso, ed è una novità, la presenza di quattro nostri cittadini sennoresi nella lista circoscrizionale sarda per competere alle parlamentarie. Ellinor Muresu, Gianni Pinna, Leonardo Paschino e Nicola Bianchi, potrebbero diventare i nostri portavoce in Parlamento. Già attivi a livello comunale, per poter conoscerli meglio i loro profili e i curriculum sono consultabili on line.

Riportare in larga scala quelle istanze che in questo momento di crisi economica e sociale i cittadini chiedono con insistenza. Si parte da un presupposto morale. Come può una figura politica chiedere sacrifici al cittadino se prima non si spoglia dei propri privilegi e non mette in discussione il proprio operato politico? Il MoVimento cerca di combattere dal basso il sistema che ha creato la cosiddetta “casta”. Per questo si chiede il decurtamento degli stipendi dei nostri rapp

crocetta sul Simbolo

crocetta sul Simbolo

resentanti a qualsiasi livello, la rinuncia di gettoni di presenza per le varie sedute di consiglio e di commissione, come già abbiamo ufficialmente richiesto invano a Sennori. In questa linea vorremo sostituire il redditometro e adottare lo strumento del Politometro, ossia il controllo delle buste paga degli amministratori dal momento in cui varcano le soglie delle istituzioni fino a fine mandato. Proponiamo un massimo di due legislature, per favorire un ricambio generazionale e per non alimentare la consueta gerontocrazia politica. A livello comunale abbiamo già dato il segnale forte con l’inizio dell’alternanzadel consigliere delegato. Il Consigliere Antonio Pìu si è succeduto a Nicola Bianchi nei banchi di opposizione della nostra assemblea. Puntiamo a un’alternanza annuale per dare la possibilità a più persone di fare quell’esperienza politica necessaria per potersi presentare con maggiore maturità e credibilità alle prossime elezioni comunali. Proprio per questo motivo puntiamo ad ampliare il nostro gruppo e ricerchiamo fra i nostri compaesani, soprattutto fra i ragazzi, personalità che abbiano interesse a collaborare per cercare di creare un futuro migliore per il nostro paese. Con un atto di umiltà chiediamo la partecipazione dei ragazzi sennoresi al progetto, per non trovarci fra tre anni ad avere candidati alle liste comunali i soliti volti noti. A livello comunale abbiamo già tanta carne al fuoco: dalla discussione sul nuovo PUC, all’istanza sulla “zona franca integrale” in Sardegna e i relativi vantaggi fiscali che genera. Vorremo portare avanti l’idea di un paese in cui nessuno debba essere costretto a comperare l’acqua al supermercato, eliminando sprechi di denaro e di Plastica. Per questo lavoriamo per ottenere “l’acqua del sindaco” e per riavere l’acqua potabile nelle nostre fontane, magari con una gestione comunale delle condotte. Vorremo discutere con i cittadini il nuovo piano di raccolta differenziata dei rifiuti in vista dell’imminente scadenza del contratto e siamo il linea con l’amministrazione per la costituzione di un canile comunale che elimini il problema del randagismo e contenga le spese. Altre istanze possono essere sposate con l’ausilio di nuovi attivisti.

In definitiva ciò che chiediamo è una maggiore partecipazione e una diversa collaborazione da parte di tutti i cittadini e, affinché il voto non sia l’unico strumento democratico a disposizione della popolazione ci batteremo per la richiesta del Referendum propositivo e senza l’obbligo di raggiungimento del quorum e con Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese. Nella nostra visione del futuro intravediamo un cittadino che sia in grado di andare a votare libero da ogni logica di scambio, perfettamente informato e che riacquisti fiducia nelle istituzioni.

Leave a Comment

Filed under Eventi, Varie

Il moVimento 5 stelle incontra i cittadini

A Sennori si presentano i candidati alla camera dei deputati del M5S

 

centro culturale sennori

Stasera alle ore 20.30 al Centro Culturale a Sennori in via Farina ci sarà l’incontro del moVimento 5 Stelle con i cittadini.

I candidati alla camera dei deputati Nicola Bianchi, Leonardo Paschino, Ellinor Muresu, Gianni Pinna, presenteranno il programma del moVimento 5 stelle. Il moderato della serata sarà Franco Pintus e ci sarà la partecipazione del Consigliere Comunale del moVimento 5 Stelle di Sennori Antonio Piu.

Vi aspettiamo numerosi.

Leave a Comment

Filed under Eventi

Convocazione Consiglio Comunale 13/02/2013

comune_Sennori_movimento5stelleLa S.V. èinvitata a partecipare alla riunione che si terrà in sessione straordinaria e in seduta pubblica, in prima convocazione, il giorno 13.02.2013, alle ore 15,30 presso la Sala Consiliare, per la trattazione del seguente

Il link per seguire lo streaming dalle 15.30 clicca qui

ORDINE DEL GIORNO

1. Interrogazione consiliare sullo stato di attuazione dei finanziamenti RAS relativi ai progetti “terrazza sul golfo dell’asinara”e “Sennori museo del territorio”, a firma dei consiglieri comunali: Antonio Canu, Fabio Sassu, Tonia Uggias, Gian Mario Ogana;

2. Interrogazione consiliare sullo stato di attuazione del progetto di vigilanza notturna attivato la scorso anno dall’amministrazione comunale di Sennori, a firma dei consiglieri comunali: Antonio Canu, Fabio Sassu, Tonia Uggias, Gian Mario Ogana;

3. Interrogazione consiliare su alcune notizie apparse sui media in ordine ai risultati dei primi 200 giorni di amministrazione, a firma dei consiglieri comunali: Antonio Canu, Fabio Sassu, Tonia Uggias, Gian Mario Ogana;

4. Interrogazione consiliare sul servizio scuolabus del Comune di Sennori, a firma dei consiglieri comunali: Antonio Canu, Fabio Sassu, Tonia Uggias, Gian Mario Ogana;

5. Interrogazione art. 51-52 regolamento del Consiglio Comunale. Ritardi della Giunta Comunale sul pagamento per l’acquisto dei libri di testo annualità scolastica 2011/2012, a firma dei consiglieri comunali: Ogana Gian Mario, Canu Antonio, Sassu Fabio, Uggias Tonia;

6. Interrogazione art. 51-52 regolamento del Consiglio Comunale. Ritardi e inadempienze della Giunta Comunale sulla realizzazione di n. 3 impianti fotovoltaici su immobili Comunali, a firma dei consiglieri comunali: Ogana Gian Mario, Canu Antonio, Sassu Fabio, Uggias Tonia;

7. Interrogazione art. 51 – 52 regolamento del Consiglio Comunale. Pericolo sulla viabilità stradale causato da pozzetto fognario sito in Via Roma superiore, intersezione via Cottoni, a firma del consigliere comunale Ogana Gian Mario;

8. Interrogazione consiliare sulle modalità di accesso agli atti e sulle comunicazioni degli stessi ai Consiglieri Comunali, a firma del consigliere comunale Antonio Canu;

9. Art. 30 del Regolamento Comunale del Consiglio e delle Commissioni Permanenti;

10. Piano di classificazione acustica del Comune di Sennori. Approvazione norme tecniche di attuazione;

11. Approvazione Regolamento “Funtana Ruja”;

12. Approvazione Regolamento Controlli interni;

13. Art. 194 del D. Lgs. n. 267/2000. Riconoscimento debito fuori bilancio in favore della Sig.ra Muresu Pietrina;

14. Approvazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile del Comune di Sennori – (P.A.E.S.).

Leave a Comment

Filed under Consiglio Comunale

Sennori ospita l’incontro regionale degli attivisti a 5 Stelle. Grillo in Sardegna per lo Tsunami Tour

panorama riunioneDefinizione degli indirizzi da seguire nella prossima e imminente campagna elettorale, questo il must dell’incontro regionale degli attivisti del MoVimento 5 stelle. Nella cornice del Centro Culturale di Sennori, numerosi MeetUp e Gruppi facenti parti Del MoVimento 5 Stelle si sono incontrati sabato 12 Gennaio per studiare le manovre comuni da intraprendere per una campagna elettorale che dovrà essere minimalista nei costi e nello spreco della carta. Per quanto riguarda il reperimento dei pochi soldi necessari si è pensato di Intraprendere diverse iniziative nei vari paesi della Sardegna, concentrate per i giorni del 26 e 27 Gennaio prossimi. La forma di finanziamento sarà l’autofinanziamento degli attivisti volontari e la raccolta di donazioni volontarie da parte della popolazione. La somma ottenuta sarà in parte investita per la stampa del cartaceo, rigorosamente con uso di carta riciclata, con il divieto dei “Santini” e dei “manifesti ad personam” a favore di bande orizzontali con slogan mirati. Un’altra parte sarà investita per la compravendita di Gadget e magliette. Un’altra parte ancora per eventuali spese organizzative per la logistica del Tour che Beppe Grillo e lo staff dovranno affrontare nell’Isola il 4 e 5 Febbraio. Il Comico Genovese affiancato, in un mini tour dell’isola chiamato , dai candidati Sardi al parlamento Nazionale, sarà a Sassari in Piazza D’Italia la sera del 4 Febbraio e il giorno seguente incontrerà la popolazione del Sulcis-Iglesiente nella Grande Miniera di Serbariu, simbolo della protesta locale dopo la cacciata dei ministri dello scorso dicembre. Il tour si concluderà in serata in piazza a Cagliari. In corso di definizione gli appuntamenti e gli eventi previsti per le date più immediatamente a ridosso dell’appuntamento alle urne.Incontro M5S

Leave a Comment

Filed under Eventi, Riunioni, Varie

Convocazione Consiglio Comunale 28/11/2012

La S.V. è invitata a partecipare alla riunione che si terrà in sessione straordinaria e in seduta pubblica, in prima convocazione, il giorno 28.11.2012, alle ore 08,30 presso la Sala Consiliare per la trattazione del seguente

ORDINE DEL GIORNO

1. Adempimenti preliminari ai sensi dell’art. 30 del Regolamento del Consiglio. Lettura ed approvazione verbali seduta precedente;
2. Ratifica delibera G.C. n. 111 del 08.11.2012, avente per oggetto: “VI^ Variazione al Bilancio di Previsione 2012.”;
3. Ratifica delibera G.C. n. 113 del 19.11.2012, avente per oggetto: “VII^ Variazione al Bilancio di Previsione 2012.”;
4. Artt. 175 e 193 del T.U.E.L. n. 267/2000. Assestamento Generale al Bilancio di Previsione 2012;
5. Regolamento Compagnia Barracellare. Approvazione;
6. Designazione Capitano Compagnia Barracellare. Conferma;
7. Rinnovo Compagnia Barracellare. Triennio 2012 – 2015;
8. Modifica Regolamento per la concessione di acqua non potabile dell’acquedotto rurale “Funtana Ruja”;
9. Classificazione della strada denominata strada vicinale “Toladina” ai sensi del D. Lgs 285/92 (nuovo codice della strada) e del DPR 495/92 Regolamento di esecuzione e ss.mm.ii. – Parziale rettifica della delibera di C.C. n. 61 del 27.09.2012;
10. Conferimento della cittadinanza onoraria ai figli di stranieri nati in Italia e residenti nel Comune di Sennori.

Leave a Comment

Filed under Consiglio Comunale

Resoconto del Consiglio Comunale del 30/10/2012

  Errore in buonafede o atto di omissione volontaria?

 Link streaming seduta del 30/10/2012 (parte 1, parte 2)

 Doveva essere una formalità e si è invece trasformato in acceso dibattittito il consiglio Comunale del 30/10.

pochi punti all’ordine del giorno, ricapitoliamoli:

ORDINE DEL GIORNO

1. Adempimenti preliminari ai sensi dell’art. 30 del Regolamento del Consiglio;

2. Commissione Elettorale Comunale. Surroga componente dimissionario;

3. Commissioni Consiliari permanenti di cui all’art. 14 del Regolamento del Consiglio e delle Commissioni Consiliari Permanenti. Surroga componente dimissionario nelle Commissioni N. 1 e N. 2;
4. Commissione Consiliare per l’assegnazione alloggi A.R.E.A.. Surroga componente dimissionario;
5. Commissione Comunale per la formazione degli elenchi dei Giudici Popolari. Surroga componente dimissionario;
6. Commissione Comunale Toponomastica. Surroga componente dimissionario;
7. Regolamento Compagnia Barracellare. Approvazione;
8. Designazione Capitano Compagnia Barracellare. Conferma;
9. Rinnovo Compagnia Barracellare. Triennio 2012 – 2015.

Si inizia come al solito con le Interrogazioni:

Il Consigliere Ogana chiede delucidazioni sui cestini raccoglitori delle pile esauste e l’Assessore Leoni risponde che verranno ripristinati al più presto.

Inoltre viene chiesta  la motivazione delle doppie inaugurazioni che oramai sembrano una costante per questa  amministrazione. Ci si riferisce all’intitolazione del nuovo campo da calcetto del rione “Su Monte” al concittadino Giuseppe Urgeghe, già deliberata anni fà dalla vecchia amministrazione e riproposta anche oggi. Ammissione di colpa dell’Assessore Cocco che riferisce di aver cercato la Delibera ma di non averla ritrovata in Archivio, un qui pro quo…

Minuto di raccoglimento chiesto dal Consigliere Sassu Fabio per l’ulteriore vittima militare italiana in Afghanistan e controreplica del consigliere Senes che ricorda come siano numerose le morti bianche sul Lavoro e che verrà quindi chiesto un minuto di raccoglimento in egual maniera anche per questa fattispecie…a nostro avviso strumentalizzazione forzata e polemica abbastanza sterile.

Interviene poi il Consigliere Piu con  il suo discorso. Per quanto riguarda l’ufficio Programazione interviene il Sindaco Desini, promettendo che dal 15 novembre sarà istituito e verrà “girato” in quest’ ufficio uno dei due ragazzi assunti nel piano “Master and Back”. Quindi avremo un ragazzo Architetto assunto a tempo determinato a capo dell’ Ufficio Programmazione, l’ufficio che secondo il nostro sindaco avrebbe dovuto cambiare le sorti delll’amministrazione.

Poi l’Assessore Leoni risponde alla richiesta di delucidazioni sullo stato di conservazione e sui progetti presenti e futuri portati avanti dall’amministrazione per quanto riguarda i siti archoeologici e il loro sfruttamento. La risposta è: NON CI SONO SOLDI!! giuriamo di aver già sentito questa risposta.

Per quanto riguarda l’istituzione dell’ URP, il Sindaco Desini risponde che sicuramente sarà istituito per il prossimo anno allorchè ci sarà una rivisitazione dei ruoli all’interno delle macro aree amministrative, causa anche alcuni pensionamenti.

Sul fronte “Acqua del Sindaco” e il risparmio che ne consegue, il Sindaco risponde che NON CI SONO SOLDI. Quindi ciò che capiamo è che non ci sono soldi per un eventuale risparmio futuro…e tanti saluti alla programmazione.

L’ Assesore Piga, Assessore alla pubblica istruzione, per quanto riguarda le spese folli che devono affrontare le famiglie nell’ acquisto dei testi scolastici, risponde che si informerà perchè non è al corrente di questo fatto.

Votata anche la Surroga dell’ex Consigliere Bianchi per quanto riguarda le commissioni suddette. Ora il Consigliere Piu è ufficialmente in carica.

il Consiglio non vota gli altri punti all’ordine del giorno sul regolamento della compagnia Barracellare. Spunta un accordo fra Amministrazione e Compagnia Barracellare, ove viene specificato che l’impegno di spesa destinato alla remunarazione delle prestazioni di Protezione Civile(10.000€ all’anno per tre anni), vanno destinati alla Compagnia barracellare. Un protocollo d’intesa che doveva essere presentato ai consiglieri in Commissione o comunque prima della votazione in Consiglio che invece viene oscurato. Fatto gravissimo, errore in buonafede o atto di omissione volontaria?

2 Comments

Filed under Consiglio Comunale